Benvenuto Accedi
oppure Registrati

Cerca un libro

Le collane

Oggi puoi iniziare subito a leggere: basta un click!

I nostri eBook sono disponibili in diversi formati e sono distribuiti sui principali store online

Per saperne di più...

Scheda

Home / Catalogo / Collane / Scheda
Email facebook twitter

Arte | Cataloghi di mostre

Rinascimento tra Veneto e Friuli 1450-1550

Prezzo: 25.00€ (-15%) 21.25 €

Nota: questa voce è attualmente esaurita.

Per avere informazioni in merito ad una eventuale ristampa, ti invitiamo a contattarci.

Rinascimento tra Veneto e Friuli 1450-1550

  • A cura di: Luca Majoli
  • Collana: Cataloghi di mostre
  • Pagine: 150
  • Immagini: 90 a colori
  • Formato: 21 x 28 cm
  • Confezione: brossura con alette
  • ISBN: 978-88-6322-048-3

Il libro

Catalogo della mostra omonima allestita presso i locali della Fondazione Marconi, dal 7 agosto al 17 ottobre 2010, con il contributo di diversi enti locali oltre alla Regione Veneto. La storia dell’arte italiana è ricca di situazioni territoriali dove le arti si sono espresse in forme originali. Di questa ricchezza è esempio il territorio
compreso tra due fiumi, la Livenza e il Tagliamento, tra il versante orientale del Veneto e il Friuli. Qui, per un secolo e poco più, due diverse scuole si sono reciprocamente confrontate: quella veneziana e quella friulana, andando a creare un modo autonomo di fare pittura, ma anche scultura e architettura. Tanta vitalità richiamò e mise in contatto artisti diversi. Personalità di primo piano e comprimari: da Andrea Bellunello a Gianfrancesco da Tolmezzo, da Cima da Conegliano a Giovanni Martini.
La mostra, allestita nel complesso dell’antico Seminario, oggi Collegio Marconi, si propone come l'occasione per ricomporre le principali linee di sviluppo della cultura figurativa in quest’area culturale, indagando le dinamiche di circolazione di opere, artisti e idee che caratterizzarono la complessa cultura del Rinascimento in un territorio di confine. Il progetto espositivo si sviluppa seguendo una traccia che, muovendo da testimonianze storico archivistiche, si snoda attraverso opere di produzione ceramica, tessile e orafa per condurre al nucleo centrale dell’esposizione: i dipinti e le sculture lignee realizzate dai protagonisti di quella stagione. Il percorso prosegue con itinerari che propongono la scoperta di cicli affrescati nelle chiese rurali, testimonianza dell’entità e della qualità delle trasformazioni che seguirono linee di sviluppo differenti nell’ambito urbano rispetto al restante territorio.